Residenze Reali in Piemonte

Diadmin

Residenze Reali in Piemonte

palazzo reale torino piemonte

Il Piemonte, seconda regione d’Italia per estensione, è una terra ricca di bellezze storiche e paesaggistiche. E’ perfetta per chiunque desideri sia immergersi nella Storia sia poter fare lunghe gite in riva ai suoi laghi e per le sue splendide colline.
Capitale del Regno d’Italia dal 1861 al 1865, Torino è una città che riesce a fondere il fascino della storia che l’ha forgiata con la modernità, creando un unico connubio di innovazione e tradizione. Diventa quindi impensabile pensare di poter realmente cogliere l’essenza di questa regione d’Italia senza visitarne il magnifico Capoluogo e, soprattutto, le Residenze Reali, dichiarate Patrimonio dell’Umanità dall’Unisco nel 1997. Torino e le Residenze Reali possono essere visitate durante tutto il corso dell’anno,
Il Palazzo Reale, la Reggia di Venaria Reale e la Villa della Regina sono solo tre delle molte residenze sparse sul territorio che, nel corso dei secoli, hanno rappresentato l’influenza politica di una delle più antiche dinastie europee: i Savoia.

Palazzo Reale di Torino

La visita al Palazzo Reale di Torino è una tappa immancabile per chiunque desideri visitare le residenze reali del Piemonte. Nominato dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità nel 1997, il Palazzo si trova nel cuore del capoluogo piemontese ed è tra i siti più vitati in Italia. E’ facilmente raggiungibile da Piazza Castello e può essere la destinazione perfetta per tutte quelle persone che desiderano approfondire la storia della dinastia Sabauda, esplorando quello che per ben tre secoli è stato il cuore politico del regno stesso.
Potrete esplorare gli affascinanti interni del Palazzo, ammirare il Salone degli Svizzeri, la sontuosa Sala del Trono, la Sala del Caffè, la Camera dell’Alcolva e la Scala delle Forbici, progettata dall’architetto FIlippo Juvarra che rispettano il codice dell’epoca.
Il sito è visitabile dal martedì alla domenica ed è semplicissimo raggiungerlo dal centro di Torino. L’ingresso è libero la prima domenica di ogni mese. Il biglietto intero costa 12 euro e comprende la visita dell’Appartamento di Rappresentanza, dell’Armeria Reale, della Galleria Sabauda e del Museo Archeologico.

Reggia di Vanaria Reale

La splendida reggia di Venaria Reale venne commissionata dal duca Carlo Emanuele II nel 1658 e i progetti vennero affidati all’architetto Amedeo di Castellamonte. Venne posizionata ai piedi delle Valli di Lanzo in modo che Carlo Emanuele II potesse sfruttare la residenza come base per le sue battute di caccia nei boschi limitrofi, perfetti perché ricchi di selvaggina. I lavori durarono nel complesso ventun anni.
Riaperta solo da pochi anni al pubblico dopo i complessi lavori di ristrutturazione, alla Reggia è possibile partecipare a mostre ed eventi. Da visitare assolutamente è la Galleria Grande, realizzata dall’architetto Filippo Juvarra; essa collegava le stanze del re con quelle dell’erede al trono. Imperdibili sono inoltre la Sala di Diana, Il Giardino delle Sculture Fluide di Giuseppe Penone e i giardini all’italiana.
La Reggia di Venaria Reale è facilmente raggiungibile sia in treno che autobus. Dista 10 km dal centro di Torino, cosa che la rende un’attrazione che rende impossibile il non visitarla. In macchina è possibile raggiungerla attraverso la tangenziale Torino nord (uscita Venaria). La macchina può essere lasciata al parcheggio Juvarra, in via Don Sapino. Altrimenti, se preferite spostarvi in autobus, potete approfittare della linea GTT Venaria Express, che collega il centro di Torino con la Reggia. Il biglietto intero costa 25 euro e dà accesso ai giardini, alla reggia e alle mostre in corso.
Riaperta da poco in seguito alla ristrutturazione e circondata dai magnifici giardini all’italiana, la Villa della Regina è una perla situata sui colli torinesi e che, fino all’Ottocento, ha ospitato al suo interno duchesse, regine e principesse. Da visitare assolutamente sono i giardini e gli interni del palazzo. E’ possibile visitarla da martedì a domenica ed è ad accesso libero.

Info sull'autore

admin administrator